A metà luce di Anna Gigante, un nostos evocativo ed onirico

“A metà luce” di Anna Gigante è un’opera onirica ed evocativache prende forma negli sfocati e nella scelta dell’insistita angolazione di quinta negli interni, un gioco di prospettive bilanciato e tensivo che viene mantenuto fino all’ultima scena e oltre. Scatta una serratura, una porta si apre e una lama di luce penetra il buio di una casa … Continua a leggere A metà luce di Anna Gigante, un nostos evocativo ed onirico

Sordi dietro le quinte

Il 24 febbraio 2003 moriva Alberto Sordi. A ricordarlo su Polytropon Magazine è il giornalista, regista e scrittore David Grieco. Questo articolo è uscito per la prima volta nel n. 592 della rivista «Bianco e nero», interamente dedicato ad Alberto Sordi, presentato il 28 gennaio alla Casa del Cinema di Roma. Ringraziamo l'autore e la … Continua a leggere Sordi dietro le quinte

In memoria di Giulio Brogi: quegli occhi di naufrago che frantumano la nozione del Tempo

Tutto cominciò al Piccolo Teatro di Milano, poi fu sempre Teatro con Eschilo, Euripide, Shakespeare e Goldoni, Čechov e Schnitzler. È un indimenticabile Enea, naufrago e intenso, per lo sceneggiato televisivo del 1971 e ancora naufrago sarà nel 1974 per Emidio Greco ne “L’invenzione di Morel”. Attore profondo, è diretto da Strehler, Squarzina, Missiroli e … Continua a leggere In memoria di Giulio Brogi: quegli occhi di naufrago che frantumano la nozione del Tempo

Quarti di Luna: giochi di luce tra Bertolucci e Bellocchio

Perché, apprendendo della scomparsa prematura di Bernardo Bertolucci, il pensiero è corso immediatamente a La luna (1979), quello che non ha goduto di ottima fama tra suoi i film? Diciamo pure che, al netto di eventuali e auspicabili rivalutazioni dell’ultima ora, sia stato probabilmente uno dei più maltrattati. Il film brilla di luce propria, ma anche … Continua a leggere Quarti di Luna: giochi di luce tra Bertolucci e Bellocchio